domenica 17 aprile 2016

Poirot e i quattro_Agatha Christie

Quando si parla di organizzazioni criminali, io personalmente sono sempre affascinato. 

Sono passati circa 90 anni da questo libro e gia' si parla di complotti al livello mondiale. Per essere precisi, questo libro è stato scritto nel lontano 1927. Non pensavo che un "genio" come la scrittrice in questione, potesse arrivare ad un romanzo del genere. 
Onestamente me lo aspettavo più da un  James Patterson. 
L'inizio del libro è spettacolare. Forse è un po' stupido e banale. Proprio per questo motivo che ho avuto l'intenzione di continuarlo a leggere. Il detective Poirot si trova a casa sua sul divano.... 
Così inizia. Particolare più particolare meno. Questo libro sicuramente merita quattro stelle. Quanto riguarda lo stile, non ho niente da obbiettare. Passiamo alla copertina del libro. Il libro in mio possesso non è questo che vedette, ma uno da collezione che ho a casa. E' fatto con la copertina rigida e ha un segnalibro i stoffa. Se riesco a fotografarlo, magari lo aggiungo qua sotto come immagine in più. Torniamo a recensire il libro. I personaggi presenti nel libro non sono del tutto decritti bene. Ma Hecule Poirot, per chi lo conosce, non ha bisogno di descrizioni. Bisogna solo immaginare una persona con la forma di un chiodo e una testa a forma di uovo. Ovviamente vestito elegantemente stile inglese. 
La cosa che non ho mai capito se lui è belga ovvero proviene dal Belgio, che ci fa in Inghilterra? Forse in quei paesini sulle montagne, non ci sono molti cadaveri come il regno unito. 
La trama come lo si può capire dal testo scritto in viola, parla di organizzazione mafiose. Il nome dell'organizzazione "I Quattro". Per non portarla molto a lungo e per finire questo articolo, vorrei esprimere il mio giudizio. Davvero bello lo consiglio a chi ama leggere. 
Poi chi ama il genere, sicuramente lo finirà al più presto. 
Visto che la recensione è finita, passiamo ai saluti. 
Saluto a Gianni e Alessandra come spesso leggerete e a tutti coloro che mi seguono tramite altri social media. Arrivederci e alla prossima recensione.

Nessun commento:

Posta un commento