martedì 2 febbraio 2016

Hercule Poirot indaga_ Aghata Cristie

Questa volta era meglio che stava a casa. 
Da precisare che l'autrice mi piace, questo libro in particolare ha un voto medio di due su cinque. Scadente come quello letto in precedenza. Diciamo che in questo periodo non sono molto fortunato con i libri. Il prossimo andrà meglio. Ci tengo subito a precisare che l'ho abbandonato alla seconda storia. (E' diviso in piccole storie). Quanto riguarda la scelta del libro, non ho avuto molto tempo per sceglierlo. Stavo in camera mia e avevo deciso di leggere un classico. Adesso, che la mia camera è diventata peggio dell'aeroporto di Heatrow mi sentivo spaesato come un orso sull'autostrada. Onestamente non so il motivo di questa similitudine ma sono quelle frasi del liceo che ti porti a vita. Come per esempio "fuori come un citofono" oppure apri un ombrello e per non bagnarti dici "su questo non ci piove" Oppure i pomodori sono sempre più rossi. Queste frasi senza senso le usavamo al liceo e ancora oggi le riportiamo nel nostro vocabolario. Tornando a noi e lasciando stare il liceo, (bei tempi), ho preso quello che dal titolo mi ispirava di più. Ho sbagliato anche questa volta mi sa. La vita è fatta di errori. Si va sempre a migliorare. La prossima volta prima di scegliere un libro butto tutti fuori da Heatrow mi chiudo dentro, e scelgo con calma. L'incipit sembrava bello. Nel senso che, non pensavo che fosse una serie di storie ma solo una storia da 180 pagine circa. I personaggi è inutile che commento che come sappiamo sono descritti bene, La scrittura, è ottima e non c'è dubbio. Il finale, non lo so ne lo voglio sapere visto che l'ho abbandonato. La copertina invece è quella rigida compresa di segnalibro. Le stelle le ho messe in base al mio umore mi sa. Ma visto che non ho altri libri da leggere almeno la seconda storia la continuo a leggere giusto per capire come va a finire. Magari se non c'è nessuno in camera mia, ad ora di pranzo, mi prendo un altro libro e ricomincio di nuovo. Comunque la scrittrice Aghatha Cristie, la consiglio vivamente. Magari non questo libro. ma altri. Mi pare di aver detto tutto e non c'è altro da dire. Saluto a chi mi segue e a chi non mi segue ma leggere questo blog in privato. Arrivederci e alla prossima recensione. 

Nessun commento:

Posta un commento