domenica 24 gennaio 2016

Tre camere a Manhattan_George Simenon

Iniziamo il primo articolo di questo blog con una recensione. Prima di aggiungere ulteriori dettagli sul libro, vorrei dire che, sono rimasto un po' deluso. Quando ho comprato questo libro era di mercoledì. Ne sono certo, Di solito in questo giorno della settimana esce il mio fumetto preferito. Anche se il fatto è un po' curioso, all'età che tengo mi piace leggere anche giornalini. Mentre il giornalaio mi prendeva il Topolino come fumetto, mi è caduto l'occhio sul bancone. Tra i vari libri che vendeva in allegato con i giornali, la mia attenzione è stata catturata dal titolo di questo romanzo. Quando ho preso il libro tra le mani, ho letto brevemente la trama. A colpo d'occhio, mi piaceva. Dopo averlo letto, ho cambiato idea. Diciamo che dal voto che li ho attribuito, di certo non è candidato per il premio Nobel. Quando io ci metto tempo, oppure non mi ispirano le prime pagine, significa che, senza offesa, per Stoccolma non passeranno mai. Chi sa se un giorno, magari, anche come spettatore, vedrò quella famosa sala. Questi poi sono dettagli. Ritornando alla recensione del libro, partiamo dalle informazioni base.
L'autore, famoso come ideatore del commissario Maigret, ha scritto anche questo romanzo d'amore. O almeno, così i critici della letteratura lo definiscono.  Il mio voto è due stelle. Significa che, se me lo rubano o lo perdo, non noto la differenza.
La trama è un po' ambigua a mio avviso.
Un commissario, invece di dormire, alle tre di notte, scende in un bar sotto casa. Qui incontra una sua coetanea. Da questo incontro, si snocciola tutta la storia. L'incipit invece mi ha colpito moltissimo. Lo stile, ovvero il modo com'è stato scritto, mi è piaciuto. Proprio questo, mi ha fatto andare avanti fino al 75% del libro. Complimenti al "ghostwriter". Quanto riguarda i personaggi, hanno una descrizione accettabile. Il finale invece non lo so ne sinceramente, voglio saperlo. La copertina come potete immaginare, di carta un po' rinforzata. Niente di speciale se proprio vogliamo dirla tutta.
L'autore, ovvero George Simenon, ha scritto tantissimi altri libri. Uno che voglio citare, è "Maigret e il cliente del sabato".
Mi pare di aver detto tutto. Non mi resta che, augurarvi una buona domenica.
Arrivederci e alla prossima recensione. 



Condividi su Facebook

Nessun commento:

Posta un commento